IL BOWLER 2020

ARTICOLI

  • in Bowler 2020

    Doppio Misto: Il Crackerjack … pietrifica gli avversari! di Stefano Coppa

    Il team siciliano del Crackerjack di Palermo, composto da Francesco Fascella e Giada Di Martino, in quel di Modena, lascia il proprio segno sul primo titolo della stagione, quello della specialità del doppio misto, facendo sventolare, sul gradino più alto del podio, il vessillo della Trinacria, simbolo per eccellenza dell’isola. La gorgone me...
  • in Bowler 2020

    Vidy il Delirium e poi … vinci! di Stefano Coppa

    Nel 332 a.c. Alessandro Magno pose sotto il proprio controllo le regioni della Fenicia, della Siria e dell’Egitto, prima di estendere il proprio dominio verso l’est, destinazione Iran ed India. In un anno tre territori, dunque, entrarono a far parte di uno dei più importanti imperi della storia e si sa … la storia è...
  • in Bowler 2020

    Europeo Seniores: A Vienna la 7° la suona l’Italia! di Stefano Coppa

    Descritta come apoteosi della danza da Richard Wagner, nel dicembre del 1813, a Vienna, per la prima volta, fu eseguita la settima sinfonia di Beethoven, all’incirca una trentina d’anni prima che Michele Novaro musicasse il testo scritto da Goffredo Mameli, che poi venne assunto come inno nazionale del nostro paese. Un inno che è rieche...
  • in Bowler 2020

    Mandrake: Un … Due … Tris … Stella! di Stefano Coppa

    Ancora loro. Sempre loro. Solo loro. Una delle tradizioni di fine anno è il classico monologo, a reti unificate, del Presidente della Repubblica (che ci perdonerà per averlo tirato in ballo in un simil contesto), che, in prima serata, riassume l’anno che va a chiudersi, tirando un poco le somme. I moschettieri “azzurri”, quasi a...
  • in Bowler 2020

    Italia: modalità internazionale on! di Stefano Coppa

    La prima decade del nuovo millennio è stata caratterizzata dal boom dei tornei internazionali. Ve ne erano tantissimi in calendario, da nord a sud, inseriti nel tour europeo o, diciamo, indipendenti. Era l’occasione per vedere i famosi stranieri all’opera. Vecchi nomi già affermati piuttosto che uno stuolo di ragazzini, agli albori, che...
TOP